Museo di Capodimonte

Museo di Capodimonte

Il Museo Nazionale di Capodimonte è ubicato all’interno della reggia omonima, nella località di Capodimonte: ospita gallerie di arte antica, una di arte contemporanea e un appartamento storico. Progettato dai Borbone a partire dal 1738, il Palazzo Reale di Capodimonte presente come nucleo essenziale la collezione Farnese, con capolavori straordinari di Tiziano, Parmigianino, Carracci e un patrimonio ricchissimo di arti decorative. Nel corso dei secoli successivi le raccolte museali si arricchiscono di opere di grande rilievo provenienti dalle chiese napoletane e meridionali (Simone Martini, Colantonio, Caravaggio) e di acquisizioni prestigiose, talvolta di intere collezioni (Borgia, d’Avalos). Accanto alla collezione Farnese, al primo piano, l’Appartamento Reale con le manifatture borboniche, tra cui le celebri porcellane; al secondo e al terzo livello, la Galleria Napoletana e le sezioni dell’Ottocento e dell’arte contemporanea.

 


 

Le collezioni Farnese e borbonica costituiscono ancora oggi i nuclei principali del patrimonio museale di Capodimonte, arricchitosi poi negli anni di opere di straordinaria bellezza ed importanza, con uno sguardo che va dall’antichità fino all’arte contemporanea. Importante anche la collezione di arte contemporanea, unica nel suo genere in Italia, in cui spicca Vesuvius di Andy Warhol.

Il Bosco di Capodimonte, il più grande parco pubblico ad ingresso libero della città di Napoli, è un vero e proprio polmone verde che si affaccia sulla città e sul golfo. Visitare il Reale Bosco di Capodimonte è un’ottima idea per stare a contatto con la natura e con la cultura all’interno della città di Napoli. Per il suo patrimonio botanico e architettonico, nel 2014 è stato nominato parco più bello d’Italia.