Chiostro di Santa Chiara

Monastero di Santa Chiara

Il Chiostro Maiolicato di Santa Chiara

Con il suo chiostro maiolicato, la storia e l’arte, il Monastero di Santa Chiara è uno dei luoghi più straordinari di Napoli. Ecco tutto ciò che c’è da sapere.

Il complesso monumentale di Santa Chiara, anche noto come Monastero di Santa Chiara, è tra i più rilevanti e apprezzati monumenti del patrimonio artistico di Napoli. E’ reso celebre dal suo chiostro che ne è espressione sublime di pace e bellezza, elementi che a Napoli hanno spesso trovato attuazione nel connubio tra fede e arte, ricercatezza e virtuosismo.
Ubicato nel centro storico di Napoli, tra l’omonima via e Piazza del Gesù Nuovo, il complesso si estende su una superficie vasta che include la Basilica di origine gotica, gli ambienti monastici, l’area archeologica con i resti di uno stabilimento termale di epoca romana, l’ampia zona occupata dal museo dell’Opera Francescana, il famoso Chiostro Maiolicato e il grande campanile.

Per il suo valore intrinseco che ne ha fatto oggetto di declamazione da parte di cantori (i celebri versi di Rocco Galdieri “Munasterio ‘e Santa Chiara/tengo o core scuro scuro..” sono il canto nostalgico di un napoletano che evoca la sua Napoli lontana trasfigurandola nel ricordo del monastero) e di intellettuali, come il filosofo Benedetto Croce che, non a caso, iniziò il suo “Storie e leggende napoletane” con la menzione della cittadella francescana, Santa Chiara è tra le più variegate e riconosciute espressioni d’arte di cui Partenope dispone.

Negli ultimi anni, grazie anche a una gestione rinnovata e adeguata, numerosi fedeli, turisti e autoctoni affollano la struttura, vivacizzando un vero e proprio gioiello sito nel cuore della città.

Un angolo di Paradiso nel tumulto cittadino.